17 ago 2008

Hunter Thompson


"Eravamo dalle parti di Barstow al limite del deserto quando le droghe cominciarono a fare effetto."
Questo l'indimenticabile incipit di "Paura e disgusto a Las Vegas (1971)", selvaggia scorribanda nel sogno (infranto) americano.
Psichedelico viaggio on the road di un giornalista e del suo avvocato che a bordo dello squalo rosso (una chevrolet) con il baule ricolmo di tali e tante sostanze da sembrare " un laboratorio mobile della narcotici"deve documentare "il sogno americano". Vorticando tra allucinazione e percezioni deformate, la narrazione lucida, grottesca, gustosamente irriverente, mette a nudo l'illusorietà del sogno americano aprendo squarci sull'abisso di disperazione dei vinti d'America le cui illusioni si infrangono come onde sui freddi neon di Las Vegas.
Beninteso non sono un apologeta delle droghe, il libro è semplicemente fantastico per lo stile e il mood irriverente contro il conformismo oppressivo dell'America ben pensante.

Di questo imperdibile libro è stato tratto un gustoso adattamento cinematografico, a mio avviso molto riuscito, anche se il libro resta insuperabile. Il film si intitola "Paura e delirio a Las Vegas" per la regia di Terry Gilliam e protagonista Johnny Depp.

Dello stesso autore consiglio:
"Cronache del Rum (1959)" romanzo in cui il 22enne Tomphson che sentiva evaporare il proprio talento incastrato in una redazione sportiva rovescia i propri incubi in una rielaborazione di elementi autobiografici e non.

"Screwjack (1991)" ovvero tre racconti esemplari del mitico Raul Duke.

"Hells Angels (1966)" mitico reportage dall'interno (si era infiltrato) sulla gang di motociclisti più temuta e pericolosa d'America. Racconto al di là del mito tra i nerboruti motociclisti, storie di emarginazione e vite contro, il mondo visto dalla parte dell'outsider. Thompson si trasformò in una sorta di avvocato di ufficio della gang demistificando l'eccessiva attenzione a loro riservata come funzionale al mantenimento della morale borghese che non vuole vedere il marcio nelle vicinanze (i reati erano ben peggiori e più diffusi altrove) e ha costantemente bisogno di individuare una minaccia circoscritta, un nemico ben identificabile contro il quale sfogare il proprio orgoglio di pretesa normalità e a cui attribuire ogni sorta di pericolo per l'ordine costituito. Attenzione però, Thompson è tutt'altro che un apologeta di questi biker delinquenti che infatti misero fine al suo periodo "embedded" picchiandolo a sangue.


Una nota sullo scrittore, Thompson (1937-2005) fu una vera e propria icona vivente, scrittore Cult, seppe raccontare il lato oscuro dell'America oltre la corte di ipocrisia e buon gusto borghese. Geniale l'invenzione del Gonzo Journalism ovvero una forma di scrittura che mescola giornalismo tradizionale, artifici letterari e impressioni personali il tutto a rendere un esperienza in presa diretta.
Sempre irriverente, allergico allo status quo, Thompson amava farsi chiamare Raoul Duke (il nome del giornalista protagonista di "Paura e disgusto a Las Vegas" con cui l'autore firmò la prima pubblicazione dell'opera su Rolling Stones), con questo nome gli è stato reso omaggio con il personaggio di Zio Duke nella mitica strisca di Doonsbury di Gary Trudeau.

Un piccolo presunto giallo avvolge le circostanze della morte dello scrittore, ufficialmente un suicidio con arma da fuoco mentre conversava amabilmente al telefono con la moglie e il figlio di sei anni si trovava al piano di sopra.
Hunter stava lavorando a un libro cospirazionista sull'11 settembre e aveva manifestato il timore di venire "suicidato".
Tragico incidente, delirio, coup de theatre? In ogni caso una fine in stile Duke.
Una comparsa tristemente prematura, sarebbe stato bello scoprire i suoi nuovi capolavori.

[ Cronache del Rum / Hunter S. Thompson / Baldini Castoldi Dalai ]
[ Hell's angels / Hunter S. Thompson / Baldini Castoldi Dalai ]
[ Paura e disgusto a Las Vegas / Hunter S. Thompson / Bompiani ] (questa edizione è corredata dalle gustosissime tavole bianco e nero di Ralph Steadman)
[ Screwjack / Hunter S. Thompson / Baldini Castoldi Dalai ]

Nessun commento:

Posta un commento