19 mag 2008

Pulitzer postumo


Suicida a trentun'anni anni il professore di letteratura inglese John Kennedy Toole (1937-1969) ricevette l'onore del Premio Pulitzer asssegnatogli postumo nel 1981 per il libro "Una banda di Idioti" il cui manoscritto fu pubblicato per la prima volta nel 1980 grazie all'insistenza della madre che per anni lo sottopose incessantemente agli editori.
Ambientato in una New Orleans quasi circense, popolata di personaggi felliniani, seguiamo le "epiche gesta" di un presuntuoso mammone, ingenuo, insolente, cafone, incorniciato in un ridicolo berretto verde da cacciatore: Ignatius Reilly.
Ignatius ne è certo, sa di essere un genio; il fatto che tutti facciano banda contro di lui ne è la prova. "Gli idioti", come li vede lui, concepiscono un mondo "privo di geometria e teologia", ma lui è pronto a correggerli.
Un moderno barbaro che si aggira tra rutti e flatulenze in una colorita New Orleans lasciando dietro di sè una sorprendente scia di disastri tragicomici.

Il libro è nella classifica dei long seller in diverse nazioni. Da non perdere.

Dello stesso autore consiglio anche "La Bibbia al Neon", scritto a soli sedici anni, più cupo delle gesta di Ignatius, ugualmente imperdiblile.

[ Una banda di idioti / John Kennedy Toole / Marcos Y Marcos ]
[ La Bibbia al neon / John Kennedy Toole / Marcos Y Marcos ]

Nessun commento:

Posta un commento